UIL Bari


Questa poesia è stata presentata alla VII edizione del Concorso UILPENSIONATI 2011-2012 di Bari e di Puglia, meritando il Doploma di partecipazione.
=======
ANNO 2012


                     IEIә  SOND  U  PUTIGNANES!

Ippör camb!
I ne passät de guai!
Nu sacch dε storiə ca nan fεnevεn mai i mai ci stät n’accurd.
Generazziön i generazziön ön fatt scεkett iuεsə.
So passät ann i sichεl,
so passät guerr i carεsteiə:
i nan iə cambiät me nodd.
Ancuεr iuεsc cε iön fäsc, n’atön sfäsc.
Accumm iön nguffεlësc, sobbεt u ualt scuffεlësc.
Inzomm, pε descεlə alla paisana manïεr,
u monn nust i stät semb incasεnät.
Però, mön, qualchi cös ste cambiə.
I ci i vïrə ca succiεd [a Vouə stïə!]
egghia putà descεr: «Iuεsc so nät ieiə!».

agan
----------

           IO SONO IL PUTIGNANESE!

Eppure vivo!
E ne ho passati di guai!
Un sacco di storie che non finivano mai,
e mai c’è stato un accordo.
Generazioni e generazioni hanno solamente litigato.
Sono passati anni e secoli,
sono passati guerre e carestie:
e non è cambiato mai nulla.
Ancora oggi se uno fa, un altro disfa.
Non appena uno crea, subito un altro distrugge.
Insomma, per dirla alla putignanese,
il nostro mondo è stato sempre problematico.
Però, adesso, qualcosa sta cambiando.
Se ciò è vero [ da Voi dipende! ]
potrò dire: «Oggi son nato io!».

agan
--------------

NOTA ESPLICATIVA
Il soggetto è il vernacolo putignanese. Formatosi attraverso i secoli per sedi-mentazione e continui perfezionamenti è giunto ai giorni nostri malconcio e deluso poiché ancora non esiste ufficialmente il modo di scriverlo e leggerlo correttamente.
Lo stesso dialetto - personificato - col primo verso si meraviglia!

Ippör camb ieiə.

E ci accenna delle sue tribolazioni. Non ha avuto una vita facile.

I ne passät de guai!

Si lamenta delle diatribe continue tra accademici e non perché non sono mai riusciti a trovare un accordo esaustivo. Del resto la pignoleria tipica putignanese è arcinota.

Nu sacch dε storiə, ca nan fεnevεm mai.
I mai c’i stät n’accurd.

Stirpi di putignanesi si sono succeduti con caparbietà e rigore senza cedimenti o compromessi di comodo e sempre alla ricerca della sospirata ed agognata soluzione aulica.

Generazziön i generazziön ön fatt scεkett iuwεs.
So passät ann i sichεl.

Questo scontro letterale è durato secoli ed è sopravvissuto alle guerre, quelle vere, ed a vere carestie. Non a caso si dice che la pietra putignanese è dura, ma la loro testa lo è ancora di più.

So passät guerr i carεsteiə
i nan iə cambiät nodd.

Verosimilmente il "grande vecchio" è ansioso di "nascere" ufficialmente perché non vede l’ora di "vivere" ufficialmente: di "esistere". Sa che non c’è cosa più brutta che essere ignorati e nello stesso tempo anche bistrattati. ed a ragione si lamenta. Ma nello stesso tempo è contento delle buone intenzioni dei contendenti e del loro piglio.

Ancuεr iuεsc cε iön fasc, n’atön sobbεt sfäsc.
Accumm iön nguffεlësc, sobbεt u uwalt scuffεlesc.
Inzomm, pε descεl alla paisäna manïεr
u monn nust i stät semb incasεnät.

Partecipare a questo concorso è un’importante occasione per certificare la sua nascita poiché il sottoscritto da più di un anno ha trovato la quadra e giunto alla meta. E’ vero che ho ricevuti timidi plausi ma a quanto pare i miei compaesani ancora non si decidono di uscire dal "grande sonno".

Però, mo, qualchi cös ste cambiə.
I ci i vïrə ca succiεd
egghia descεr: «Iuεsc so nät ieiə».

agan
------------
Questa poesia è stata presentata alla VIII edizione del Concorso UILPENSIONATI 2012-2013 di Bari e di Puglia, meritando il Diploma di partecipazione.
------------
ANNO 2013
EGGHIӘ FATT NU UANN

U uann passät, dε sti timb, nascibb duwә, cu stu cuncors dε poiseiә
i mo mε presend arriεt pεccè so sεcor ca pozz veng pör ieiә.
I viεr ca m’accuntεdibb da sεgnalazzion dε Matarozz,
fubb cuntend, però vεdibb u stess a lön ndo pozz
i u prem premiә sceiә a na certa Mεragliә.
L’alt puә forεn accuntεntat alla megghiә.
Sta volt, però, nge chiandà nu bell cεppon
pε fa canosc sobbεt a putignanese tradizion.
I mε so ppust cu tott l’ imbegn, i tutt sfacciat
tant ca chessa poiseiә nge fatt tott a rema baciat.
Ca puә, cε pε cäs na veng, mal-mal fazz pubblεcεtà
l’imbortand iә ca pör dduә a drett egghia sobbεt acchià.
I tand pε cambià dε proposεt ng fazz vεdà na meravegghiә
totta maiә, pε batt i concorrind sε no u premiә cert no pegghiә.
Tott sapεn da timb ca ieiә so fatt appost pε i nuvεtà i pε l’occasion
i tε parev ca ieiә ngera pεnzà do volt pε asseiә cu stu sort dε capason?
I forastiεr dε lundan ona sapaiә ca ogni ann a deiә dopp u Natal a Putignan
iә tradizzion da Prεbbascεn fatt appost pε sfott tott l’ Autorεtà i por i paisan.
Sop o traën i cumbagneiә cu i virs o cantand a carεcator ng fascεn a tott quann
i sεccom i péchεr zopp sond semb assiә, i por sord a na recchiә, iosεn por a bann
I u 'massar' nge a mett tott pε chiandà u cεppon pεccè o durà sεcör pε tott u uann
i amàr a codd c’ angapp, ca fasc na fεguracciә, i o pεnzà sobbεt pε rεparà u dann
Da nu pecch dε timb a sta vann a manεfestazzion a fascεn prproiә nnanz a san Pït
i o pust di massar iessεn i giovan educat i mascεcacarät i portεn por nu fior mbitt
Ma a quand pare ché sond struët ma nan on usat mai nì a zapp i mang u chiandatör
i nan on vest mai accumm sε chiand u palidd i nan tenεn mang u curtidd d’innestatör
Ché quann ona crεtεcà l’Autortà penzεn scεchett cε on avàiə o no u prem premiә
all’os antech invece er tott n’ata cös sε fascev avverament a gar pε fa l’ironeiә
i dopp menz’ or dε sεdor er assεcurat scεkett u fiasch du mmir o u ciuccεnat
i codd er u premiә ugual pε tott quand : siә cε ir sunat i siә cε ir cantat.
Mo sem passat tott all’ata vann, cε a Cummission nan pagh sεcor
na conviεn asseiә chiouә nì e massar i mangh pε i stess signor.
_____________________
agan

ANNO 2014

                                                                               
                                                                                
ANNO 2015
                                                                                                              
                                                                                 
ANNO 2016


================================================================
Da “IL GIORNALE” DI PUTIGNANO – 2010:

Dedica di Remino Romanazzi all’amico Giovanni Marzullo
in occasione del suo 87° compleanno.
-------
L’ammeër Giuann
p’ ccùmm s’ giustresce l’ann
Da bc’clett i affizziunat
tott i deje s’fasce a caminat
Da quann gavitav ndo centr stor’ch
A pigghieij sta r’ ttol’ ch
I mmò ga gavitesc in perifereij
S spost qua’ do’ ruot tott i deij
O da salut, o da scinnöt
M’pacc o’ mano’bie
port I vörs app’nnöt,
Von chien d’ vittuvagghie
pan, past i pur l’agghie.
Sta storie iav na sessanten’a d’ann
da ce s’spusei Giuann,
e mo’n tien uttantasett
l’ho pigghiat mpacio’nas a biciclett.
Ston tant i tant ca von e’ dottor
I s’lamentn pi d’lor
Cu l’esercezie ca fasc ccodd
d’lur n sent pecch i nodd
Iall’or u sa ciatt’dech, Giuann
T fazz l’agorie d campà cint’àann
I c’erm cupiat u medt tou
Ciu ‘sap quant’ann er’m’ a campà
d’cchioue.
--------
Libera traduzione e adattamento [agan].
---------

L’ammiro Giovanni
per come si organizza per tutto l’anno
E’ affezionato alla sua bicicletta
e ogni giorno si fa una pedalata.
Da quando abitava nel centro storico
ebbe inizio questa dedizione.
Ora che abita in periferia
si sposta con la bicicletta ogni giorno
sia in salita che in discesa
sul manubrio
porta le borse appese
sono piene di vettovaglie:
pane, pasta e pure l’aglio.
Questa storia dura da sessanta anni
da quando si sposò Giovanni
ora che ha ottantasette anni
è andata in malora la bicicletta.
Molte persone vanno ai medici
e si lamentano per i malanni
Con le pedalate che lui ha fatto
dolori ne accusa pochi e niente.
Allora sai che ti dico Giovanni
ti auguro di vivere cento anni
e se ti avessimo imitato
chissà quanto anni avremmo potuto
vivere di più.

      U cεppon nuv a tutta pruəv
              26.12.2010

Cu’ ll car na saett!
E litt i e litt a dedεch i a traduzzion
i ancuεr na n’egghiə acchiat a drett.
U fatt iə codd, i pör codd ca a cond
ma leggh litt diəsc volt a lizziön
i nan e capet c’iə l’acc i c’iə u fərmagg pond.
Inzomm sε puət sapaiə accumm ama’screvεr bun?
pəccè stiə codd ca screv dε na maniər
i stiə nat’on chiu brav ancuər ca’ a liəsc all’abbun.
O liscə na locanden du teatr
o liscə nu manfest di zët
stie cε a liəsc dε na maniər i ci d’lalt.
Na’n scem parlan di local gazzett
ca chedd mangh ci spar
sε dεcedεn d’acchià a grett.
I stön chedd ca sε dichiar’n putignanes antech
ca pör c’ion fatt l’unεversεtà
nan za sentn pε na fa troppa fatech!
Mo pε tutt onestà egghia descεr, i pε decòr,
ca stie iön ca s’inderessat cui fattεr
i o fatt nu bell manual, i si fatt por onòr.
Iə iör ca cε dam da fa cull’ abc putignanes
se no am’affà brutta fεgor
cu i bares i pör cu i casdanes.
Eiə eggh pεgghiat l’ös, accum iə viər,
ca nu ceppon l’eggh a chiandà cu volantèn
senza pεnzà cε viə nda n’avvucat o n’ugigniər.
Bè, pεgghiam esembiə da chess duə amèsc
ca da operaiə dε nodd so stat capasc
dε mannà i studios paesan tott all’alesc.
Eiə a cond a mod meiə i sond cuntend
vou cε sapèt fa meggh
datεv da fa i sciat a fa tott ndo cummend.

agan

        La propaggine a tutta prova

Possano essere fulminati!
Ho letto e riletto la dedica e la traduzione
ed ancora non ho capito niente.
Il fatto è quello, ed anche chi lo racconta
ma l’ho letta dieci volte la lezione
e non ho capito chi è il sedano e chi il formaggio punto.
Insomma si può sapere come scrivere bene?
Perché c’è chi scrive in un modo
e chi più bravo la legge diversamente.
O leggiamo una locandina del teatro
o leggiamo un volantino degli sposi
c’è chi legge in un modo e chi in un altro.
Non ne parliamo dei giornali locali
perché quelli neanche se li spari
si decidono di trovare il giusto modo di scrivere.
Ci sono alcuni che si vantano di essere putignanesi antichi
ma anche se sono laureati
non se la sentono per non fare troppa fatica!
Ora in tutta onestà dirò, e per decoro,
che c’è uno che si è interessato con i fatti
ed ha redatto un bel manuale, e si è fatto onore.
E’ giunto il momento di darci da fare con l’abc putignanese
altrimenti faremo brutta figura
con i baresi ed anche con i castellani.
Io ho preso l’abitudine, come è vero,
che una propaggine la devo pubblicare col volantino
senza badare se è diretto ad un avvocato o ad un ingegnere.
Bè, prendiamo esempio da questi due amici
che da semplici operai sono stati capaci
di surclassare i compaesani con la laurea.
Io racconto a modo mio e sono contento
voi se sapete fare megliodatevi da fare e … datevi da fare.
agan

=====================================================================
                                

Nessun commento:

Posta un commento